Avvocato campano arrestato per camorra a Sassari, era latitante. Deve scontare 11 anni di carcere

3 min read

Un avvocato penalista di Aversa, Giuseppe Stabile, 52 anni è stato condannato a 11 anni di reclusione per la partecipazione e il concorso esterno a due associazioni camorristiche.

Il professionista insomma condivideva l’attività dei due clan responsabili tra l’altro di omicidi ed estorsioni.

Il legale è stato arrestato dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sassari.

I militari l’hanno rintracciato nell’abitazione in cui aveva trovato riparo dal 22 dicembre, quando aveva fatto perdere le proprie tracce dopo essere evaso dagli arresti domiciliari.

I militari dell’Arma hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte d’assise d’appello di Napoli.

Il penalista campano era stato condannato per aver usato strumentalmente le sue funzioni di avvocato difensore, intrattenendo rapporti non solo professionali con i clan Aversano e Marrazzo.

Tra gli episodi a lui contestati c’è anche l’evasione del capoclan Vincenzo Marrazzo dalla casa lavoro di Cagliari, tra il 24 e il 25 maggio 2008.

Secondo quanto stabilì il processo, la fuga fu favorita dal legale, che consegno’ al boss due lime e un telefono cellulare.

In altre situazioni Stabile risultò il tramite tra i boss e gli affiliati: in particolare, in occasione di un colloquio in carcere con un capoclan, suo cliente, avrebbe aggirato i controlli della polizia penitenziaria nascondendo nelle mutande alcune lettere da consegnare all’assistito.

Setacciando la sua vita privata alla ricerca di indizi che ne consentissero la localizzazione, i carabinieri di Aversa sono arrivati a Sassari e hanno trasmesso le informazioni in loro possesso. Individuata l’abitazione in cui il legale si nascondeva, i carabinieri di Sassari si sono appostati e dopo alcuni giorni di controlli l’hanno bloccato mentre andava a fare una passeggiata.

Attualmente è nel carcere di Bancali, a disposizione della magistratura campana.

Comments are closed.