Home Cronache Blitz antidroga a piazza Garibaldi. Preso pusher, sequestrate videocamere, soldi e armi

Blitz antidroga a piazza Garibaldi. Preso pusher, sequestrate videocamere, soldi e armi

4 min read
0

Di Pier Paolo Milanese

 

Spacciava alla luce del sole in strada senza alcun timore di essere visto e sicuro dell’impunità A scoprirlo gli agenti del Commissariato Vicaria Mercato che insieme agli uomini dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno stretto le manette ai polsi di Angelino Bennardo, 29 anni, pregiudicato, l’accusa è di  detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Nel corso di alcuni controlli nell’area di Piazza Garibaldi e zone adiacenti, i poliziotti del Commissariato Vicaria Mercato hanno notato due giovani nei pressi del portone dello stabile ubicato in via Padre Ludovico da Casoria, che cedevano, dietro compenso di soldi, alcune bustine di cocaina ad un ragazzo.

Accordi della presenza dei poliziotti, i due si davano alla fuga e iniziavano a salire le scale dello stabile cercando la via di fuga dal terrazzo dell’edificio. Dopo un rocambolesco inseguimento Angelino veniva bloccato. Nelle sue tasche venivano rinvenute 3 bustine in cellophane contenenti cocaina, per un peso di 0,61 grammi.

Controllato il vano sottotetto dello stabile, nonostante la totale oscurità ed il numeroso materiale di risulta, all’interno di due buste separate, ben occultate sotto delle travi di legno, venivano rinvenute due pistole semiautomatiche, una marca Astra A90 Inox calibro 9×21 corredato di caricatore contenente 12 cartucce, ed una pistola semiautomatica Sil Saver P220 calibro 45, corredata di caricatore contenente 6 cartucce S&B 45 Auto.

Inoltre si rinveniva un piccolo cartoncino con all’interno un bilancino di precisione di colore bianco/nero e numerose bustine in cellophane pronte al confezionamento.

L’altro spacciatore nel corso dell’inseguimento all’interno del palazzo si era rintanato all’interno di una abitazione, la cui porta, chiusa a chiave dall’interno anche con l’ausilio di un chiavistello in ferro, veniva aperta solo con l’ausilio dei Vigili del Fuoco.

All’interno dell’abitazione, la cui finestra era rimasta aperta e dalla quale era verosimilmente fuggito l’uomo, venivano rinvenuti un contamonete elettronico, la somma di circa 3000 euro in contanti suddivisi in moneta spicciola e banconote di piccolo taglio, un televisore al quale erano collegate diverse telecamere posizionate in diversi punti dell’androne dello stabile e su via Padre Ludovico da Casoria e zone limitrofe. Il giovane acquirente,  confermava che da anni si riforniva sotto quello stabile dai due giovani.

 

 

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Cronache
Comments are closed.

Check Also

Parte l’avventura di Foglia in Forza Italia: l’ex presidente del Consiglio riunisce militanti e amministratori

Si è tenuto nella giornata di venerdì, a Baiano, su iniziativa dell’ex presidente de…