Home Politica G7: movimenti, a Napoli e Ischia iniziative contro vertice ‘Rivendicheremo diritto al dissenso’

G7: movimenti, a Napoli e Ischia iniziative contro vertice ‘Rivendicheremo diritto al dissenso’

3 min read
0

Di Pier Paolo Milanese

 

“Contro il G7 del razzismo e della guerra ai poveri” i movimenti antagonisti e le realta’ sociali napoletane, dalla rete antirazzista ai disoccupati, hanno promosso una tre giorni di manifestazioni che vedono schierati anche artisti e movimenti per “la rivendicazione del diritto al dissenso e a manifestare anche ad Ischia” dove la settimana prossima e’ in programma il G7 dei ministri dell’Interno.

Il programma delle mobilitazioni “per i diritti sociali” contro “il G7 e le norme Minniti” e’ stato presentato nel corso di una conferenza che si e’ tenuta davanti al monumento al “migrante scomparso”, alla Stazione Marittima di Napoli.

“Manifestiamo contro quello che abbiamo ribattezzato il G7 del razzismo e della guerra ai poveri – spiega uno dei portavoce dei movimenti – con la presenza del responsabile europeo delle politiche migratorie Avramopoulos e coordinato dal ministro Minniti che ha dato il nome a due decreti (convertiti in legge) che sono un manifesto della societa’ dell’esclusione, con i tribunali speciali per i rifugiati, il daspo urbano anche a venditori ambulanti e poveri cristi, l’implementazione degli sgomberi per le persone che occupano in emergenza abitativa cosi come degli spazi liberati e autogestiti.

 

Non ultimi gli stessi diritti democratici: perfino il tema del diritto al dissenso e a manifestare ad Ischia e’ ancora in discussione, con la Questura e il Viminale che non hanno ancora dato una risposta certa”.

Il programma delle mobilitazioni prevede giovedi’ 19 ottobre alle ore 9 l’appuntamento per andare ad Ischia, venerdi’ 20 un’assemblea pubblica aperta da una delegazione degli eritrei sgomberati in agosto a piazza Indipendenza (a Roma) e un concerto contro il G7 e ogni discriminazione in piazza del Gesù a cui stanno aderendo molti artisti partenopei, a partire dal collettivo Terroni Uniti fra cui Luca Zulu’, Franco Ricciardi, Andrea Tartaglia, Valerio Jovine, Maurizio Capone, M’barka Ben Taleb e tanti altri. Chiusura infine sabato 21 ottobre alle 16 con un corteo da piazza Garibaldi: “Napoli per i diritti sociali contro le Leggi Minniti”.

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Politica
Comments are closed.

Check Also

Parte l’avventura di Foglia in Forza Italia: l’ex presidente del Consiglio riunisce militanti e amministratori

Si è tenuto nella giornata di venerdì, a Baiano, su iniziativa dell’ex presidente de…