I tre moschettieri di Fulvio Martusciello che governano in Campania con il Pd

3 min read

di Pietro Di Marco

Forza Italia Campania e il caso delle “porte girevoli” di Fulvio Martusciello. Sono tre i casi in cui “forzisti” vicini al deputato del Parlamento Europeo si siano presentati in passato con il simbolo di Silvio Berlusconi e poi abbiamo scelto di stare con il centrosinistra. E’ il caso di Francesco Guarino, ex consigliere comunale di Forza Italia a Villarrica, poi candidato con lo stesso partito alle regionali del 2015, poi scelto dal sindaco del comune a nord di Napoli Rosaria Punzo assessore ai lavori pubblici. Un amore scoppiato all’improvviso, a quanto pare, per Guarino, accusato un anno fa da Armando Cesaro di “stare con il Pd”. A quanto pare, però, l’amicizia con Martusciello è sempre forte.

Lo stesso legame, con l’europarlamentare ce l’ha anche Ciro Di Giacomo. Consigliere comunale a San Giorgio a Cremano. Passato dalla opposizione alla maggioranza. Prima acerrimo nemico dell’attuale sindaco Giorgio Zinno, poi uno dei primi sostenitori del primo cittadino. Passato, tra l’altro, dalla presidenza della commissione trasparenza alla presidenza per della commissione urbanistica. Molto attivo da circa un anno sul territorio con una associazione a lui vicina: l’Iniziativa Sangiorgese. Secondo le voci di palazzo, lo stesso Martusciello ha dato a Di Giacomo il “placet” a passare con l’amministrazione rossa.

Il terzo caso riguarda Gennaro Giustino. Consigliere comunale di maggioranza con con il sindaco rosso Domenico Tuccillo del PD che, come ha però scritto il Corriere del Mezzogiorno tempo fa, “piace più a destra che a sinistra”. Anche Giustino, da una lunga militanza nel centro destra è passato a difendere con i pugni e con i denti l’armata rossa dei democratici.

Comments are closed.