Truffe: fiamme in capannone del Cis per incassare il risarcimento. Quattro indagati a Nola

1 min read

Hanno dato fuoco al capannone all’interno del Cis di Nola, danneggiando anche fabbricati adiacenti e mettendo in pericolo i presenti, per intascare il risarcimento dall’assicurazione.

Per questo il titolare di una srl e 3 dipendenti sono destinatari della misura cautelare emessa dal gip di Nola dopo indagini della polizia e del Nucleo investigativo antincendi dei vigili del fuoco.

Fondamentali per ricostruire quello che e’ accaduto, le immagini dei sistemi di videosorveglianza e anche la relazione tecnica dei pompieri intervenuti per domare il rogo.

Il legale rappresentante della ditta, Aniello Iervolino, e’ agli arresti domiciliari, mentre tre fratelli, Antonio, Angelo e Massimo Pagano, suoi dipendenti, hanno l’obbligo di dimora nel comune di San Giuseppe Vesuviano.

Comments are closed.